Forse sono una donna

nata per non essere domata

forse ho troppo bisogno di libertà

per restar ferma più di un certo tempo nello stesso posto…

Ho rivolto spesso lo sguardo al tuo orizzonte,

il profumo dell’estate mi ha invaso 

tutto il corpo

Ho atteso tanto 

col rischio di non ritrovarti…

e di perderti…

Spesso mi sono chiesta cosa facessi

se le stelle avrebbero brillato ancora come un tempo…

Ho pensato molto agli sguardi furtivi ma intensi di un tempo…

e aspettavo…

e aspetto ancora che l’ombra che è scesa su di me svanisca…

Non sono quella di un tempo…

amo correre e tu lo sai…

devi riuscire a raggiungermi…

oggi sono passata per lasciarti questo mio messaggio

su questi lidi che saranno sempre vivi…

lo sento sotto la pelle…tra le mani…

Mi chiedo se quel fuoco avvamperà dinuovo..

o lentamente si spegnerà senza dolore…



I commenti sono chiusi