“Il grande vascello del cielo si libra silenzioso, trasportato dal vento.

L’aria intorno è immobile e tranquilla, lo sguardo spazia su un orizzonte sconfinato.

La pianura e le colline, migliaia di metri più in basso, svelano i loro angoli più nascosti e insospettabili.

Le geometrie dei boschi e delle coltivazioni, le anse dei fiumi e dei viottoli si intrecciano con eleganza, come giardini dipinti da un pittore dell’ottocento; i borghi antichi rivelano i loro segreti.

Veleggiando sopra montagne e vallate, i colori appaiono ora più intensi, ora stemperati dal dorato diffondersi dei raggi del sole.”

(Marco Majrani)



I commenti sono chiusi